Redazione

Redazione

Direttore responsabile

chi siamo fede e jhonnyFederica Massari

Giornalista professionista di Napoli, con una recente esperienza di vita vissuta a Madrid di più di due anni. Di gavetta ne ha fatta tanta: dalla collaborazione con il quotidiano ‘Il Roma’ all’esperienza come stagista al ‘Tg2’; dal ‘Corriere di Salerno‘ alla conduzione di un programma radiofonico a Roma di sua ideazione chiamato ‘Living rock ‘n’ metal’; da ‘Il Denaro’ a ‘La Sentinella’. Attualmente lavora come redattrice per ‘Yes Life Magazine’ e ha un suo sito personale, federicamassari.com, su cui racconta le notizie di attualità che le stanno più a cuore. È una giornalista vecchio stile: ancora crede che per fare questo mestiere occorra “scarpinare nella notizia”, così come diceva Biagio Agnes, direttore della ‘Scuola di giornalismo di Salerno’, che ha frequentato tra il 2010 e il 2012. L’anno dopo ha sostenuto l’esame di stato per diventare giornalista professionista. Le interviste sono la sua specialità.
“Son nato a Napoli perciò mi piace il mare”, ed è stato proprio il mare ad averla trattenuta nel cuore di Partenope, preferendo la sua città natale a Madrid in una vecchia eterna lotta che vedeva il suo cuore dividersi tra questi due luoghi.
Ha una visione della vita “a sinistra”, che non si identifica in nessun partito politico attuale ma bensì nella convinzione dell’uguaglianza di tutti su questa Terra. Non le piacciono le discriminazioni di nessun tipo e odia i razzisti. L’omofobia è un cancro che va debellato con ogni mezzo possibile e, ovviamente, color arcobaleno.
È una persona che si eccita per le cose belle che la circondano, anche le più piccole, e piange per le ingiustizie, cercando di smuovere coscienze e fare qualcosa di buono nel suo piccolo.
È tifosa del Napoli e va allo stadio da quando aveva 4 anni e in campo c’era un tal Diego Armando Maradona. Ama profondamente il suo cane, Jhonny, anche se a volte è un “tipo difficile”.
La frase che più di tutte sente sua è del più grande guerrillero di tutti i tempi: “E se vale la pena rischiare, io mi gioco anche l’ultimo frammento di cuore”.

Redattori:

AndreaAndrea Sanna

Scrittore per caso e per passione. Cresciuto tra le righe e gli incubi creati dagli scrittori H. P. Lovecraft, E. A. Poe e Stephen King. E non solo loro. Il racconto di E. A. Poe, Il Gatto Nero gli fa scattare la pazza idea di cimentarsi nella scrittura del suo primo racconto horror. Da quel momento, passo dopo passo, ha continuato a creare i suoi incubi. Esordisce nel 2012 con il romanzo Riscatti in cui affronta il delicato argomento dell’omosessualità e dell’omofobia in un intreccio di amore e odio, di vita e morte. Nel 2015 vince il concorso “Racconti dell’Estate” promosso dal settimanale L’Espresso con il racconto breve intitolato La Mia Vera Vita. Nel 2017 pubblica Il Nuovo Ordine, un horror politico dai contorni apocalittici.

 

Carla

Carla Di Somma

Nata e cresciuta a Castellammare di Stabia ha fatto suo il motto della città delle acque: “Post fata resurgo”. Ha frequentato la facoltà di Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Salerno. Operaia per necessità, intellettuale per vocazione, si dedica alla scrittura per dare forma a quello che l’appassiona. “Liberté, egalité ma sopratut fratammé”!

 

Danilo Antignani

Danilo Antignani

Classe 2000, studente della facoltà “Culture digitali e della comunicazione” presso la prestigiosa Università Federico II di Napoli.
Amante dello sport, in particolare di calcio e pallacanestro, crede pienamente che attraverso esso possano essere trasmessi i valori fondamentali per il benessere della società. Si è appassionato alla scrittura e al racconto già da piccolo, quando commentava le partite della sua squadra del cuore e scriveva a riguardo per puro divertimento e per se stesso. Successivamente attraverso lo studio si è appassionato alla scrittura non solo per lo sport ma anche e soprattutto per la cultura e il sociale

 

TeresaTeresa Silvestris

Teresa Nicolina “Enne” Silvestris, classe 1975, è, in ordine di apparizione, yamatologa, giornalista e guida turistica. Si è laureata all’allora denominato Istituto Universitario Orientale di Napoli dove ha appreso che conoscere le lingue è utile, ma se sai fare pure qualche altra cosa è meglio. Parla inglese e giapponese, s’arrangia con il francese e il cinese, sa dire “ciao” in svedese e “datti una mossa” in spagnolo sudamericano. Non ha mai imparato l’albanese. Dopo una grandiosa esperienza in Giappone come insegnante d’italiano e un’altra nel commerciale, è tornata a studiare come consulente letterario e redattore nelle case editrici conseguendo un piccolo diploma. Non contenta, intraprende la strada del giornalismo e, vista la naturale propensione alla vita itinerante, decide di arricchire la collezione di tesserini con quello di guida turistica. Ha cercato in tutti i modi e con ogni mezzo di liberarsi dall’ossessione dei viaggi e della scrittura, ma non ci è riuscita e questo è il risultato…

 

ValentinaValentina Piermalese

Vive in provincia di Napoli, una metropoli che non è solo una grande città ma un vero e proprio melting pot unico nel suo genere, dove tutto è amplificato. Ama l’antica Parthenope per la sua storia millenaria. Le piacciono i colori che sprigiona, i profumi che si sentono nell’aria e il folklore che la contraddistingue. Non vi sono al mondo armonia e conflittualità insieme come in questa terra straordinaria. Unicità perfettamente descritte nei romanzi di Elena Ferrante, ai quali recentemente si è dedicata. Una delle sue passioni è proprio la lettura e uno dei suoi scrittori preferiti è il premio Nobel José Saramago. È laureata in Filologia Moderna, ma la sua formazione non si è fermata al titolo accademico. Il suo percorso continua nei settori della comunicazione e dell’editoria. Decisione presa in considerazione del suo amore per la scrittura. Si interessa all’approfondimento di temi di grande attualità, che vanno dai diritti umani alla tutela dell’ambiente, senza però perdere di vista le ingiustizie che si verificano nei piccoli territori. E su questi ultimi tiene alto il livello di attenzione, con lo sguardo sempre fisso sui dettagli.

 

ValentinaValentina Simonetti

40 anni, nata a Fermo, scrittrice e giornalista freelance per passione, dopo gli studi di linguistica presso l’università La Sapienza di Roma, attualmente vive e lavora nelle Marche. La passione di Valentina per la scrittura ed il giornalismo è nata all’età di 8 anni, con la collaborazione al primo giornalino scolastico, e mai lasciata, continuando attualmente a contribuire a vari progetti editoriali, occupandosi principalmente di musica, arte e cultura rock italiane ed internazionali. Musicista, bassista, collezionista di vinili, da oltre 20 anni, assidua frequentatrice di concerti ed ascoltatrice di rock e metal, è impegnata in varie iniziative e associazioni, per promuovere il rilancio della cultura musicale in Italia. Amante del buon cibo e vino, vivere tra mare e colline, le ha fatto scoprire una delle sue più grandi passioni, la cucina, che attualmente sta cercando di trasformare in un vero e proprio lavoro a tempo pieno dopo anni di lavoro in ufficio. Sognatrice, amante della natura, dei paesaggi, e del gusto, ama scrivere e narrare di esperienze e sapori magari proprio sorseggiando un buon bicchiere di vino. La soddisfazione più grande per lei infatti non è solo cucinare, assaggiare, degustare, ma raccontare emozioni attraverso un piatto, un vino, un’esperienza, coinvolgere i sensi in un percorso che vede il cibo come cultura, dalle trafficate vie delle città ai borghi rurali dimenticati, alla scoperta non solo di sapori ma anche di paesaggi di realtà dimenticate, di intrecci di culture. La sua citazione preferita: “L’acqua divide gli uomini; il vino li unisce” (L. Bovio)

Per qualsiasi informazione, richiesta, invio di comunicati stampa e suggerimenti, scriveteci a redazione@futuranews.it

Scroll Up