Napoli, arrestato 47enne per aver dato fuoco a suo padre

Napoli 47enne fuoco padre
Condividi:

I carabinieri continuano a effettuare servizi di controllo del territorio nella città di Caivano e Torre Annunziata in provincia di Napoli e nei vicini comuni

Le forze dell’ordine, a Caivano, hanno arrestato un 47enne per tentato omicidio nei confronti del padre. I fatti si riferiscono al 14 settembre scorso. L’uomo aveva cosparso di benzina il padre di 73 anni, appiccando il fuoco con un accendino e provocandogli gravi ustioni sul 30% del corpo. I motivi per compiere questo gravissimo gesto non sono ben precise, ma sembrano riconducibili a dissidi familiari. In particolare riguardo la destinazione di una vettura d’epoca del padre contesa tra i figli.

Le indagini sono state svolte dai militari della Tenenza di Caivano che, dopo aver raccolto la denuncia della vittima, hanno acquisito maggiori informazioni. I militari dell’arma, infatti, hanno interrogato tutti i familiari e successivamente hanno esaminato la documentazione sanitaria inerente il ricovero della vittima.

LEGGI ANCHE-> Napoli, al via la rimozione dei murales della criminalità organizzata

Napoli, controlli anti-Covid e arresti per spaccio

Napoli 47enne fuoco padre
Sostanze sequestrate dai Carabinieri

I carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata – insieme ai militari del reggimento Campania – hanno effettuato un servizio di controllo del territorio ad “Alto Impatto” nella città di Torre Annunziata e nei vicini comuni. Numerosi i controlli nei luoghi di maggiore concentrazione di persone e di maggior transito veicolare e pedonale.

Mario Cisale, a Torre Annunziata, 41enne già noto alle forze armate, è stato arrestato per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio. L’uomo, che passeggiava in via XXIV Maggio, è stato controllato da una pattuglia dei carabinieri e sorpreso in possesso di una sacchetto nero contenente un chilo di marijuana. Moreno Abbruzzese, 24enne già detenuto presso la propria abitazione, è stato arrestato in ottemperanza ad un’ordinanza di aggravamento del Tribunale di Napoli. Il provvedimento è scaturito da un controllo dei militari avvenuto nei giorni precedenti. Infatti durante un controllo, il ragazzo non era stato trovato in casa. Entrambi gli arrestati sono stati tradotti alla Casa circondariale di Napoli-Poggioreale. Specifica attenzione è stata rivolta alla verifica del rispetto delle attuali norme anti-Covid,. Sono state sanzionate ben 17 persone, controllate al di fuori del proprio comune di residenza o senza comprovati motivi di necessità, lavoro o salute.
Seguici anche sulle nostre pagine:  FacebookInstagramTwitter 
Condividi:
Scroll Up